ქართული ქართული Italiano Italiano
trieste
A sinistra l'ambasciatore della Georgia in Italia, Konstantine Surguladze, nel salotto azzurro del palazzo municipale con il sindaco Roberto Dipiazza.

Nel corso del cordiale incontro il sindaco Dipiazza ha avuto modo di confrontarsi con l’ambasciatore Surguladze su temi e problematiche di carattere internazionale (l’alto diplomatico ha rivestito ruoli e compiti importanti come console in Gran Bretagna e Irlanda del Nord e ambasciatore nei Paesi Bassi, nonché sul fronte della Coooperazione nell’ambito del programma Onu e anche incarichi di governo, come ministro della Georgia per le questioni della diaspora). Il sindaco Dipiazza ha evidenziato in particolare i ruolo e il valore sempre più internazionale di Trieste, sottolineando soprattutto la rilevanza del suo Porto e delle istituzioni e realtà scientifiche presenti e attive sul nostro territorio e ancora l’importante opera avviata dall’Amministrazione comunale per la piena valorizzazione dell’area del Porto Vecchio. Tra gli altri al centro dell’incontro anche aspetti culturali, turistici e storici, che hanno permesso di mettere in evidenza come Trieste, città multietnica e multireligiosa, abbia molti punti in comune con la Georgia, un Paese di 3,7 milioni di abitanti, importante crocevia tra l’Asia e l’Europa.

“Sono felice di essere a Trieste, una città bellissima e di conoscere il suo sindaco Roberto Dipiazza – ha scritto sul libro d’oro del Comune l’ambasciatore Konstantine Surguladze – e spero che nel futuro avremo la possibilità di rafforzare i nostri rapporti e di ritornare presto”.

Al termine dell’incontro, dopo il tradizionale scambio di doni, con la consegna all’ambasciatore dello stemma della Città di Trieste, la delegazione diplomatica è stata accompagnata dal presidente Francesco di Paola Panteca nella sala del Consiglio comunale dove ha potuto ammirare e apprezzare il grande dipinto allegorico de “La prosperità commerciale di Trieste” del 1877, opera di Cesare Dell’Acqua (Pirano 1821 – Bruxelles 1904).

Condividi: